Pneumatici invernali

Pneumatici invernali

Il cambio di stagione arriva anche per l’automobile: e mentre voi avete tirato fuori dagli scatoloni sciarpe e maglioni, dal 15 novembre dovrete ricordarvi di guidare con gli pneumatici invernali o le catene da neve a bordo. In alternativa potete montare anche gli all season, che vanno bene tutto l’anno e si riconoscono per la sigla M+S (mud and snow, cioè fango e neve).

Le gomme invernali – dette anche termiche – oltre alla sigla M+S hanno il simbolo del fiocco di neve all’interno di una montagna a tre cime. Aderiscono meglio all’asfalto in caso di fango, pioggia e ghiaccio e sono quindi più sicure. Volendo, potrete tenerle sulla vostra macchina anche dopo il 15 aprile, a patto che il codice di velocità (cioè la velocità massima raggiungibile dalla gomma) sia uguale o superiore a quella indicata sul libretto di circolazione. Il codice di velocità fa parte del codice riportato sulla spalla della gomma. Le altre cifre del codice indicano la larghezza dello pneumatico, il rapporto tra l’altezza della spalla e la larghezza della sezione, il diametro e l’indice di carico.

Gli pneumatici invernali sono obbligatori dal 2010, e se non rispettate la norma rischiate una sanzione che va dai 41 euro nei centri abitati fino ai 318 euro e tre punti in meno dalla patente per chi guida in autostrada. Al di là delle cifre, è una scelta di sicurezza. Le gomme invernali hanno una presa migliore sul fondo bagnato o ghiacciato, perché la mescola del loro battistrada (la parte della gomma che è a contatto con l’asfalto) rimane morbida anche a temperature rigide.